Questo sito contribuisce alla audience dilogo Tiscali

Angela Valentino, la make-up artist italiana che ha conquistato New York

Capelli rosso intenso, frangia folta, un sorriso che cattura e occhi grandi e sinceri: eccola Angela Valentino la make-up artist italiana che ha conquistato New York aggiudicandosi diversi premi come miglior truccatrice.

La sua storia parte nel 1985 da Monza dove passa i primi anni della sua vita, per poi trasferirsi con la famiglia a Cinisello Balsamo (in provincia di Milano). Una bimba estroversa e creativa con una spiccata propensione al disegno e probabilmente già da questa attitudine si potevano leggere i primi segni di un futuro luminoso.

Gli studi la portano a Milano: Liceo Artistico prima, laurea all’Accademia delle Belle Arti in Brera dopo, per concludersi con un diploma in trucco artistico nella prestigiosa BCM Cosmetic.

La gavetta

Grazie ai suoi titoli come truccatrice, scenografa e costumista solca i principali teatri e studi televisivi italiani, ma è il diploma alla BCM che la porta dentro al suo sogno di allora: lavorare per le sfilate di moda. Le passerelle sono momenti frenetici in un cui la precisione, la tecnica e la velocità sono tutto. Spiega la make-up artist italiana

In una sfilata non c’è tempo per niente. A volte le modelle sono in ritardo e tu devi fare un make-up in cinque minuti quando loro sono già in fila per uscire. Imparare a truccare nelle sfilate è la vera palestra di un make-up artist.

make-up artist italiana

Il viaggio che cambia il futuro

È così che Angela Valentino diventa capo truccatore nei backstage dei più importanti brand italiani della moda: da Moncler a Iceberg, Versace, Ermanno Scervino, Rocco Barocco, ma anche magazine come Cosmopolitan e Fucking Young. Poi comincia a viaggiare. racconta la make-up artist italiana:

Poi ho cominciato a viaggiare, perché non sono una persona che sa stare ferma in un paese. Fin da piccolina, ho sempre avuto il desiderio di “andare”. Nel 2010 ho fatto un viaggio che ha segnato la mia vita: ho passato tre settimane a New York, Los Angeles  e Las Vegas con l’Accademia delle Belle Arti, con altri 80 scenografi alla scoperta dei segreti del cinema di Hollywood. Appena sono tornata, sono come impazzita. Sentivo che dovevo andare via dall’Italia, capivo che non mi apparteneva più.

Angela Valentino inizialmente sceglie di lavorare come truccatrice sulle navi da crociera promuovendo il brand della sua agenzia: Tunisia, Marocco, tour del Mediterraneo, Francia, Spagna ma il desiderio dell’America è sempre presente, vigile. E dopo una lunga esperienza a Capo Verde decide di investire su se stessa e trasferirsi a New York per sei mesi a migliorare il suo inglese. Sei mesi che sono diventati cinque anni.

Grazie al suo talento, al suo bagaglio lavorativo e a un’amica che crede in lei, Angela trova una sponsorizzazione per ottenere il visto d’artista per lavorare in America.

make-up artist italiana

The American dream

Da qui in poi non si contano le collaborazioni importanti, a partire dalla campagna online mondiale per Fanta, i lavori per conto di wedding planner internazionali, famose agenzie di make-up , clienti privati di alberghi di lusso, celebrities  fino alla trasmissione televisiva Good Morning America dove è truccatrice dell’anchorwoman Robin Robbins.

Davanti a tanto successo si potrebbe erroneamente pensare che negli Stati Uniti tutti possono trovare il proprio posto nell’Olimpo tra i grandi. Ma nonostante gli sfarzi scintillanti della Grande Mela, è facile perdersi a New York.

Sono tanti gli ostacoli e i sacrifici per potersi affermare e altrettanti quelli da combattere con tenacia, ambizione e determinazione, caratteristiche di cui Angela Valentino è ampiamente fornita.

Gli americani sono persone simpatiche. Però sono persone che arrivano al sodo. Non ci sono molti rapporti. New York è una città fredda, in tutti i sensi, per quanto calorosa perché piena di etnie diverse. Ma il calore ti arriva “dagli altri”, non ti arriva dai newyorkesi. Loro sono persone che lavorano, lavorano, lavorano. Non hanno tempo per niente. New York è una città di single e di persone sole. E io sono la prima ad esserlo. La cosa bruttissima che ho dovuto combattere qui è la solitudine. E se non sei forte torni a casa. All’inizio siamo noi a scegliere la città poi è la città che sceglie te, perché tu scegli per i primi due mesi poi la città ti piega in due. E lì arriva la sfida.”

Eppure Angela non ha rimpianti e sceglierebbe New York al posto di altre città americane altre cento volte. Perché New York è la città competitiva per eccellenza, e lei tra quelle eccellenze vuole mettere la sua firma.

È facile arrivare a Miami ed essere LA truccatrice. Io voglio essere LA truccatrice a New York.

make-up artist italiana

I sogni nel cassetto, in parte già realtà

Angela Valentino che si è ormai perfettamente ambientata allo stile newyorkese, è un passo avanti anche in fatto di sogni, perché sui suoi desideri sta già lavorando attivamente.
Sta progettando una linea di make-up 100% naturale a base di cera d’api, aloe vera e prodotti organici. Una scelta ancora una volta audace, nata da una decisione personale: quella diventare vegana da un lato e quella di assecondare le necessità delle moltissime clienti con problemi dermatologici dall’altro.
La novità nella sua linea personale di make-up risiede ancora una volta nell’innovazione: pigmenti e colori per ottenere sfumature audaci.

Psicologia del make-up, la diplomazia prima di tutto

Non solo trucco, ma una spiccata dote di savoir faire e diplomazia a volte sono risolutive per placare gli animi delle sue clienti. Angela infatti si definisce spesso “psicologa, consulente dell’immagine, truccatrice”, perché molte volte la sua postazione assomiglia più a quella di un terapista che a quella di una truccatrice: spose nevrotiche, mogli in crisi di coppia che vogliono apparire bellissime per paura che il marito le tradisca e clienti che chiedono un make-up decisamente inadattabile ai lineamenti del viso.

E allora entra in scena Angela che con il suo carattere solare e accomodante, si prende cura della persona che ha davanti con consigli e buon gusto e la recensione positiva non si fa aspettare.

Una volta mi hanno chiamata per truccare una sposa a West Chester, la wedding planner aveva sbagliato il colore delle damigelle. La sposa voleva il color lavanda e lei aveva portato la carta da zucchero. Panico. Credo che quella wedding planner non abbiamo mai più lavorato nella sua vita. La sposa durante il make-up era irrequieta e nervosa. Ma poi con la dolcezza e la simpatia abbiamo abbinato tutto e tutti alla perfezione. Fare make-up è anche questo.

Mai più senza

Di due cose Angela non può fare a meno nella sua routine: il suo rossetto rosso e Madonna (la cantante). Il rosso è il colore che la rappresenta di più, nel quale si rispecchia. Nella sua linea personale di make-up, sta cercando di inventare una sfumatura di rosso che non esiste e che possa racchiudere in sé tutto il suo essere: intenso, vivo, e ancora una volta ambizioso.

Quella per Madonna, invece, è un “amore” nato in casa, ereditato dalla mamma e che col tempo è diventato una “passione pazzesca”. Madonna, ammette Angela, è la sua icona e la sua musa ispiratrice. Nel suo studio lavora ascoltando le canzoni della grande star, in grado di trasmetterle un’energia inspiegabile.

Make-up artist italiana pluripremiata

Ultimi ma solo in ordine temporale sono i due premi assegnati durante la fashion week come miglior truccatrice a New York e Los Angeles.
Angela è una donna forte della sua soddisfazione, fatta di esperienze, sacrifici, nostalgia, ma anche di attimi colti al volo, tentativi e passione. Sa che New York è una ruota che gira in perenne movimento ma lei è disposta a lottare non solo per mantenersi in equilibrio, ma per arrivare sul tetto del mondo.

Ti potrebbe anche interessare