Questo sito contribuisce alla audience dilogo Tiscali

Moda in Brasile, lo stile tropicale visto da un’italiana

La moda in Brasile ha le sue regole, spesso molto diverse da quelle a cui siamo abituati noi italiani.  Il Brasile è un paese in cui si fondono culture razze, religioni e modi di vita differenti. A sud (nelle città di Porto Alegre, Florianopolis) si trovano donne bionde dalla carnagione chiara che sembrano nord europee, mentre nel nord est e nella Bahia, donne nere di origine africana.

moda in BrasileParlare di moda in Brasile significa anche fare una distinzione tra la moda delle città di mare come Salvador o Rio e la moda più formale di altre località dell’interno del Paese come San Paolo, Belo Horizonte o Porto Alegre, che strizza l’occhio alla moda europea. La moda in Brasile si distingue tra cittadina e “moda praia”, ovvero da spiaggia, che ogni anno viene presentata in due collezioni: primavera/estate e autunno/inverno, perché qui anche in inverno si va in spiaggia, magari con il costume intero più accollato o con le maniche lunghe.

I colori della moda in Brasile

In questi anni ho esplorato a fondo il curioso universo della moda carioca. Quando sono arrivata per la prima volta in Brasile sono rimasta colpita dai colori e dalle fantasie di abiti, costumi, borse… Abituata ai little black dress che indossavo a Milano, mi resi conto che il mio guardaroba doveva drasticamente cambiare. Perché qui il nero è poco utilizzato ed il colore delle feste e degli eventi formali è il bianco. Mentre nell’abbigliamento di tutti i giorni è un trionfo di colori: giallo sole, verde smeraldo, rosa intenso, azzurro cielo, rosso corallo e arancione sono i più apprezzati.moda in Brasile

La moda in Brasile è molto più informale di quella italiana: non esistono giacche né tailleurs e anche per gli uomini gli abiti formali sono utilizzati assai raramente. La donna brasiliana si veste in modo molto femminile, con abiti spesso corti e scollati, ma la moda è decisamente più comoda. Vestiti ampi e freschi in cotone e pantaloni morbidi dai tagli svasati… alternati agli universali jeans lunghi… o cortissimi.

Una delle marche che più mi ha colpito appena arrivata in Brasile è Farm. Le stampe di questo brand sono un tripudio di farfalle, tucani, pappagalli tropicali, fiori di ibisco, ananas, enormi foglie… una marca divertente e super colorata, ispirata alla natura lussureggiante del Brasile. Oltre a questa marca, altri brand come Oh Boy o Dress To mi colpirono per le fantasie floreali ed i colori sgargianti.

I must have della moda brasiliana

Ciò che mi ha molto sorpreso sono i modelli: shorts molto corti abbinati a top (la pancia è sempre in vista e le normali T-shirt sono rare…), abitini alternati a tutine (il macaquinho) o tute più lunghe (chiamate macacão), tutti must have della moda carioca. E non importa se sei magra o grassa. Perché qui tutte le donne ci tengono a risultare attraenti e a mettersi in mostra, a prescindere dalle forme. Scollature, aperture e oblò sono comuni su qualsiasi tipo di camicia o vestito.

moda in Brasile

Accanto alle marche brasiliane più strutturate dal punto di vista commerciale e con una rete di negozi, vi è poi un universo di altre piccole marche artigianali estremamente interessanti, gestite da stiliste talentuose, spesso senza una vera e propria rete commerciale e con un sistema di vendita online (via Instagram o Whatssapp) o domiciliare.

Grazie al passaparola ho scoperto in questi anni tante piccole marche brasiliane (carioca e non solo) molto interessanti: come Isabela Capeto, Wymann, Le soleil d’éte, LianaLeao. Tutte sono ricche di ispirazioni tropicali con un tocco di creatività e artigianalità in più. Spesso i vestiti sono ricamati a mano e decorati con perline multicolor, oppure fatti all’uncinetto. La lavorazione all’uncinetto è diffusa in varie marche brasiliane e in alcune zone del nord est del paese si trovano molte artigiane che producono abiti, borse, cappelli e persino bikini crochet multicolori.

Le borse brasiliane sono prevalentemente di paglia, in Brasile infatti non è molto diffuso l’uso del cuoio. Nannacay, Waiwai o Pernambucana da Gema ad esempio sono marche locali che producono borse di paglia di tutte le dimensioni, decorate da pompon e nastri oppure dipinte a mano da artisti locali.

Inutile aggiungere che per i primi sei mesi della mia permanenza a Rio non sono riuscita ad acquistare nessun capo di abbigliamento… Tutto mi sembrava talmente diverso dal mio stile milanese e davvero poco portabile! Adesso invece sono diventata una grande fan delle marche locali e non posso pensare di vestirmi senza un tocco di colore.

La moda in Brasile si indossa anche in spiaggia

Anche la moda spiaggia ha le sue regole: bikini e costumi interi sono molto colorati, con splendide fantasie tropicali e spesso succintissimi, indipendentemente dalla taglia della signora che li indossa. I bikini sono sempre mini: la parte di sopra è normalmente un triangolo o una fascia e la parte di sotto è talmente minimale che è chiamata “filo interdentale”. Il topless invece non viene assolutamente utilizzato in spiaggia ed è considerato molto sconveniente.moda in brasile

I bikini vengono venduti su tutte le spiagge di Rio da ambulanti che girano trasportando un ombrellone al quale sono appesi i costumi, provvisti di un assortimento incredibile, sempre con modelli succinti e prezzi ottimi (un bikini costa 50-60 reali, circa 15 euro). Basta recarsi a Copacabana o Ipanema per fare un po’ di beach shopping.

In spiaggia non può mai mancare un coloratissimo pareo (canga), che all’occorrenza diventa un telo da mettere sulla sdraio o un abito per il tragitto di ritorno a casa, e un coloratissimo paio di Havaianas. Tutte le spiagge del Brasile sono affollate da venditori di parei con stampe tropicali meravigliose ed è impossibile resistere alla tentazione di comprarne almeno due o tre (il prezzo si aggira tra i 40 e i 60 reali ciascuno, ovvero 10-15 euro).

Una delle marche di moda mare più famose in Brasile (e ormai anche all’estero) è sicuramente Lenny Niemeyer, caratterizzata dallo stile elegante e ricercato e nota per la ottima qualità dei tessuti, accanto a Salinas, nata proprio a Ipanema negli anni e alla famosissima Osklen, che oltre alla moda mare produce anche abbigliamento da surf, uno degli sport più praticati a Rio.

Le marche di beachwear brasiliane non sono ideate solo per prendere il sole, ma anche per praticare sport in spiaggia o semplicemente per passeggiare in città o per uscire la sera. Lo stile di vita locale infatti è molto più rilassato ed informale, perciò tutte le marche di beachwear offrono un vasto assortimento di capi: costume interi che all’occorrenza si indossano la sera con un pantalone, top sportivi, vestiti lunghi, tute di lycra e parei che diventano abiti da sera.

Ciabatte e scarpe di gomma, no alla formalità

Le ciabatte infradito di gomma (Havaianas o Ipanema) sono le calzature più utilizzate da uomini donne e bambini a Rio, non solo in spiaggia, ma anche in qualsiasi altra situazione quotidiana, dal ristorante, al cinema, al supermercato. Alle “chinelos” (termine portoghese per indicare le ciabattine di gomma) si affiancano le sandalias, i sandali con la zeppa di corda, realizzati in tessuto o in camoscio. Le scarpe femminili con tacchi alti, cosi come le classiche scarpe di cuoio maschili, sono utilizzate solo nelle occasioni più formali.

moda in Brasile

Havaianas in un negozio. Foto Kai Hendry

Parlando di scarpe di gomma, non si può non menzionare il noto brand brasiliano Melissa, nato a San Paolo 40 anni fa e famoso ormai in tutto il mondo per aver realizzato scarpe vere e proprie, ballerine, sandali, stivali e stivaletti, tutto rigorosamente in gomma morbida, colorata e profumata. Qui donne e bambine ne possiedono varie e sono sicuramente le calzature più adatte al clima tropicale di molte città del Brasile.

moda in Brasile

La corrispondente Benedetta Benassi (a sinistra) con la designer brasiliana Maria Oticica

Infine, della moda in Brasile vanno evidenziati gli accessori: a Rio esistono marchi di bijoux unici come i bijoux “bio” di Maria Oticica, una designer originaria di Manaus, che ha iniziato 20 anni fa a produrre gioielli con semi e piante della Amazzonia, aiutando anche le popolazioni indigene a sostentarsi e svilupparsi. Lokalwear, invece, produce orecchini, collane e bracciali in fibre naturali, ideati e prodotti da artigiani locali.

Accanto alle marche più famose di bijoux esistono ovviamente moltissimi venditori ambulanti che vendono prodotti realizzati con semi, foglie o piume, corde e conchiglie. Basta fare una passeggiata sul lungomare e si possono scoprire mille prodotti interessanti. Tutti i bijoux brasiliani sono molto colorati e giocosi e si abbinano perfettamente all’abbigliamento tropicale del Brasile.

Non avrei mai pensato di indossare una collana di semi di acai o inajà (piante locali) e adesso non ne posso più fare a meno!

Ti potrebbe anche interessare